Oggi vi daremo i nostri migliori consigli per preparare l’astice bollito, un crostaceo che da molti è amato più dell’aragosta, per la sua polpa carnosa e il suo sapore delicato: 5 semplici trucchi che vi permetteranno di servire a tavola un piatto semplice ma di sicuro effetto!

1) Astice: come scegliere quello giusto?

Per un astice bollito perfetto, sarebbe preferibile acquistare astici vivi, assicurandosi che siano di ottima qualità, magari rchiedendo consigio al nostro pescivendolo di fiducia.

Di solito sul mercato se ne trovano di due tipi: l’Astice Mediterraneo, dal colore tendente al bluastro con striature gialle e l’Astice Atlantico, dal colore più uniforme e senza striature (più facile da trovare e per questa ragione anche meno costoso). Entrambe le specie si prestano a preparare un ottimo astice bollito, quindi non vi resta che scegliere il vostro preferito.

In ogni caso, considerate che gli astici freschi possono essere tenuti in frigo per massimo un giorno avvolti nella pellicola alimentare o dentro una busta per alimenti.

Sul mercato si trovano anche astici surgelati, ma qualora decidiate di acquistare quelli, fate attenzione a controllare la provenienza e la data di confezionamento e, sopratutto, ricordate che gli astici surgelati vanno sempre fatti scongelare prima di bollirli!

2) Astice bollito: come farlo nel modo migliore.

Se volete preparare un buon astice bollito, le modalità ed i tempi di cottura sono fondamentali: il rischio è quello di renderlo troppo cotto e troppo asciutto. Fate in questo modo: sciacquate l’astice sotto l’acqua corrente e immergetelo in una pentola di acqua bollente, coprendo subito con un coperchio. Una piccola chicca: per far rimanere gli astici ben distesi durante la cottura, potete legarli con uno spago da cucina ad un cucchiaio di legno).

Ricordatevi che il tempo di cottura per l’astice bollito si calcola in base al peso del crostaceo:

  • Per un astice di 450 gr  considerate 5-7 minuti di cottura.
  • Per un astice di 600-800 gr  9-11 minuti.

Come regola generale ricordatevi che l’astice è cotto quando il colore della corazza diventa rosso.

3) Astice bollito nel “court buillon”.

Molti estimatori consigliano, per rendere l’astice più aromatico, di farlo bollire in un semplice brodo fatto con acqua e verdure, il cosiddetto court  buillon. Vi basterà fare in questo modo:

  • Aggiungete all’acqua della pentola (precedentemente salata) una piccola cipolla tagliata, un rametto di prezzemolo, mezzo gambo di sedano, una carota, una foglia di alloro ed un rametto di timo (se volete potete aggiungere anche un goccio di vino bianco secco).
  • Fate sobollire per una quarantina di minuti, aggiungete 5 grani di pepe nero ed il vostro brodo è fatto.

Ricordatevi, prima di immergervi l’astice, di far alzare bene il bollore.

segreti-astice-bollito-ted-roma

4) Come estrarre la polpa dell’astice.

Una volta cotto, togliete l’astice dall’acqua e lascatelo raffreddare; poi, privatelo della corazza, seguendo alcuni piccoli accorgimenti:

  • Separate la testa dal corpo (che contiene la maggior parte della polpa).
  • Tagliate la corazza con un trinciapollo nel senso della lunghezza, partendo dalla coda ed incidendo sia la parte dell’addome sia quella della schiena.
  • Estraete delicatamente la polpa.
  • Rompete le chele con uno schiaccianoci o con un batticarne ed estraetene la carne con un una forchettina lunga e sottile.

5) Astice bollito: come servirlo?

L’astice bollito può essere servito e condito in vari modi:

  • Una volta completamente privato della corazza, potete tagliarlo a fette creando dei medaglioni di astice e condirli come preferite.
  • Per un effetto più scenografico, potete invece tagliarlo semplicemente in due con tutta la corazza, e lasciare ai vostri ospiti il gusto di estrarne la polpa (fornendoli ovviamente dei giusti attrezzi per rompere e svuotare le chele).

Il condimento classico per l’astice bollito, quello che consente di gustarne appieno tutto il sapore, senza rischiare di coprirlo, è il burro fuso oppure un pinzimonio fatto con olio Evo, sale, pepe e succo di limone.

A seconda dei vostri gusti, potrete accompagnarlo anche con le salse che più vi piacciono, dalla maionese, alle salsa rosa, a quella bernese, avendo sempre l’accortezza di non utilizzare sapori troppo forti, perché coprire il gusto di un crostaceo talmente buono sarebbe un vero peccato!

Ted: Astice e non solo nel cuore del quartiere Prati!

Se siete a Roma, a Via Terenzio troverete il primo Lobster and Burgers italiano, e potrete gustare squisiti crostacei in un ambiente giovane, moderno e ricercato, che porta un pò di New York al centro di Roma.

astice-bollito-ted-roma-prati

Per gli amanti dei crostacei venire a trovarci è un “must”, in quanto tre sono i capisaldi del nostro locale: astice, cocktail bar e design.

I nostri astici arrivano tutti i giorni freschi dal Canada e vengono preparati per soddisfare tutti i gusti: potete ordinare l’astice bollito o alla griglia, accompagnato da salsa bernese, insalata e patatine, il Lobster roll – il gustoso sandwich di astice apprezzatissimo oltreoceano – la zuppa di astice o la Ceasar Salad con astice.

Insomma per gli amanti dei crostacei non ci sono scuse! Venite a trovarci, siamo aperti tutti i giorni dalle 12.00 alle 02.00 e, se vorrete azzardare qualcosa di nuovo, potrete anche accompagnare i vostri piatti con una lunga serie di cocktail internazionali e con le nostre varianti, perché Ted non è solo ristorante, ma anche un coktail bar dove i nostri barman si sbizzariranno consigliandovi sempre nuovi abbinamenti.

Pin It on Pinterest